Er tipo duro

coatto

 

Se crede bello, furbo, ‘nteligente

provoca tutti e nun lassa perde niente

fa le battute se sente pure granne

ma c’ha n’alito che sta nelle mutanne

così finisce che fra pizze e focacce

je vengon bene, solo le fregnacce.

Poi per nasconne er suo cervello piatto

s’atteggia a duro e gioca a fa’ er coatto

e parla en romanesco che je piace

e mostra er petto, du metri de torace

ma non riesce a nasconnere porello

quello sputo che tiene ar posto der cervello.

S’attegia tutto e nun se capisce mica

perché se stia a fa’ tanta fatica

potesse rispermiasse ‘n po’ er teatrale

che a far er burino je viene naturale.

 Lui poi po’ di tutto de tutti

ma nun je va poi de raccoje li frutti

si perchè se mai uno reagisce,

fa er prepotente e poi se imbizzarrisce

si perchè prima fa finta de gnente

ma se ne va a piagnere appresso d’artra gente

poi torna indietro un po’ ringalluzito

e se rimette a fa’ er gallo de rito

se gonfia tutto come na mignatta

poi de ‘mproviso rosso e teso schiatta

che pare un botto de fin d’anno o carnevale

certo porello che ja detto male

e ciò che resta der tipo tanto duro

so’ quattro schizzi de cacca, sopra ‘n muro.

                                                                                      pasquino

                                              

 

 

 

Er tipo duroultima modifica: 2011-07-26T18:28:00+00:00da pasquino.xxl
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento