Er tipo duro

coatto

 

Se crede bello, furbo, ‘nteligente

provoca tutti e nun lassa perde niente

fa le battute se sente pure granne

ma c’ha n’alito che sta nelle mutanne

così finisce che fra pizze e focacce

je vengon bene, solo le fregnacce.

Poi per nasconne er suo cervello piatto

s’atteggia a duro e gioca a fa’ er coatto

e parla en romanesco che je piace

e mostra er petto, du metri de torace

ma non riesce a nasconnere porello

quello sputo che tiene ar posto der cervello.

S’attegia tutto e nun se capisce mica

perché se stia a fa’ tanta fatica

potesse rispermiasse ‘n po’ er teatrale

che a far er burino je viene naturale.

 Lui poi po’ di tutto de tutti

ma nun je va poi de raccoje li frutti

si perchè se mai uno reagisce,

fa er prepotente e poi se imbizzarrisce

si perchè prima fa finta de gnente

ma se ne va a piagnere appresso d’artra gente

poi torna indietro un po’ ringalluzito

e se rimette a fa’ er gallo de rito

se gonfia tutto come na mignatta

poi de ‘mproviso rosso e teso schiatta

che pare un botto de fin d’anno o carnevale

certo porello che ja detto male

e ciò che resta der tipo tanto duro

so’ quattro schizzi de cacca, sopra ‘n muro.

                                                                                      pasquino

                                              

 

 

 

Buon natale

Scan0013bn.jpg
Ve devo di che sto monno, nun me piace
ce sta er progresso, ce sta l’evoluzione
però ve devo dì nun so’ capace
d’abituamme questa situazione,
basta guardasse attorno pe vede’ che c’è 
gente pasciuta, che nuota ner ciarpame
ma basta che te guardi più lontano e aimè,
t’accorgi che li più stanno a morì de fame.
Noi stemo a guarda’ er pil, er bilancio der paese
stamo a spenne li sordi pe’ sarva l’economia
mentre un poco più in la discosti artri ne fan le spese
a noi er Natale dei balocchi e a loro, a carestia.
Se dice che na volta nel passato,
apparisse dentro ar cielo na gran stella
e che j’angeli bentro a un cielo stellato
annunciassera ar monno intero la novella.
Dicessero cantando tutti in coro
“..e pace agli uomini di buona volontà”
ma me sa che ormai se sono accorti puro loro
che di quegli uomini, nun ce ne son mai stati qua.
Vabbè facemosi l’auguri de Natale
stappiamo li spumanti scartiam li panettoni
senza curacce di quelli che stan male
scambiamoce  er saluto e… sentemoce più bboni.
                                        Auguri pasquino
 
 

M’attaccateve ar tram’S

foto_tram_desio_08.jpg
 

Me scuso, se so stato un poco assente
ma essendo nuovo di questo strano mondo
ve giuro nun ce sto a capì più gnente
e c’ho er cervello che sta giranno en tondo
e pe’ capi come la cosa funzionasse
ho pure perso tant’ore a la giornata
guardanno dei buffoni litigasse
seduti drento na scatola quadrata.
Ai tempi mia la vita era più sana
le cose eren più facili a capire
c’eren li nobbili che c’avean la grana
e li poveretti sortanto poche lire.
Passavo er tempo mio a fa li sonetti
contro er papato e tutto er suo potere
mo me confonno e sto a segui li fatti
e aimè me tocca, volere o non volere,
anche per colpa de quarche giuggiolone
che se fregiava der gruppo moralista
de pijà pe’ li fondelli l’opposizione
e i personaggi suoi che stanno in vista.
Hanno sprecato un sacco de parole
riempito fogli de un sacco de giornali
per verità ha spacciato un mar de sole
che sta manfrina, se n’irà drento j’annali.
Poi vai a scoprì e nun te pare vero
che a loro piace vestirsi de canestro
preferendo de fasse un ber veliero
piegati nell’attesa di arbero maestro.
Sarà ahimè che so cambiati i tempi
forse sarà che io sono ‘n po’ all’antica
ma se devo seguire degli esempi
e nun è pe’ favve de la critica
ma preferisco in questa situazione
pure a costo d”anna fini all’inferno
de manna a fann…… l’opposizione
e de schieramme a fianco der governo

                                        pasquino

 

Chiamammola….. escort

daddescort.jpg
 

Nulla è cambiato, semo solo animali,
già hai tempi miei accadeveno sti fatti,
basta scartabellare ne gli annali
p’accorgese che già so stati messi agli atti.
Sì, perchè a li papi a e puro ai cardinali
je piaceva comportasse de maiali
e pe’ nun fa troppa fatica e fare prima
se la teneveno en der palazzo a concubbina
e già a quer tempo giocanno con la rima
me divertiva, a vorte, de metterli in berlina.
Ma credo che ce stia ‘na gran differenza
loro se stavano dentro l’abbiti talari
avean giurato de stare sempre senza
de dedicassi solo a Dio e agli artari.
Ma tutti l’artri da che monno è monno
se daveno de fa sempre e con tutte
via semo seri nun ce girammo en tonno
se criticava soltanto seren brutte.
Le chiameno escord ma che vorrà dire?
Un tempo, chi per denaro dava via la potta,
mo chiedo venia e perdono per l’ardire,
ma la chiamaveno sornato la mignotta.
Eccerto ,mo stamo a mantener certi valori
li ciechi sono diventati nun vedenti
e me domando se certi conduttoti
nun se potessero chiammare nun senzienti.
Tornamo ar fatto che sta à fa tanto rumore
me chiedo quanno je sta a ‘mportà a la ggente
e invece quanno inporta ar conduttore
che se fa ricco facendo er gran fetente.
Eppoi volemo dilla piatto, piatto
che ce faceva con quer registratore??
O ce voleva in futuro fa ‘n ricatto
lo l’han pagata per sputtana er signore.
E la morale? Se proprio ve sta a cuore
da quarsiasi parte sta storia sia guardata:
è “ Ce sta sempre alle spalle un protettore
che se fa ricco in de sopra a ‘na scopata”.

                              pasquino

Primarie PD

1652bnc.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Me fa specie vedere che un partito
che ner tempo presente, sia in passato,
in dove sta’ ar potere o dove è stato
presenta schede d’un singolo colore,
de noi pe’ fa’vede’ che nun è vero,
che democratici ce stanno pure loro
se so’ messi a fa cose straodinarie,
se so’ ‘nventati puro le primarie.
Scusate se me sta a scappà un soriso
ma state a copià er paese a voi più inviso.
Seconno me fareste ‘n po’ più in fretta
se vi mettesse a tirare la bruschetta.
Senza nessun che stia a spartir la torta
vince e comanda chi pesca la più corta,
ma senza dillo a quer popolo de ignari
voi le bruschette le fatte tutte pari
così diventa leader der partito
chi sa, e la sua, la spezza con er dito.

                          pasquino

Parlamo de politicanti

ovvero…….

“Le libbere elezioni”

untitled.jpg
 

n’ho fatto in tempo a dire na parola
che già me sta a coreggere sta sola
me fa ..“Politici si dice, e non politicanti”
none, i politici so’ pochi e questi sono tanti.
Stan tutti la drento da na vita intera
manco l’avessero messi lì in galera,
ma d’evvesse na galera che je piace,
maggneno tutti e er popolo se tace.
Ce costeno un sacco de mijoni
e noi!!! Pagamo! Li soliti cojoni,
e in più s’abbuffeno, ce fregheno su tutto
nun paghen gnente, e questo è pure brutto.
La casa er treno, puro il ristorante
maggneno beveno e nun je frega gnente,
e quanno s’arritroveno alle strette…..
ce fanno paggà puro le marcchette.
Son sempre quelli, che pareno immortali
nun cambien mai lor sono sempre uguali,
e se per caso poi vengheno trombati
dagli elettori che stanno un po’ ‘ncazzati
riappaiono cor tempo in buone condizioni
là, drento all’Europa, o drento le reggioni,
Te regireno in tutti i modi la frittata
ma resten ssempre là, impressi in da facciata
Paiono eterni come è eterna Roma
resiston puro con quer cervello in coma
stan sempre là, nun fatevi illusioni
nun servon manco le disintestazioni.
son come Dorian Gray, c’han li ritratti
so’ peggio delle piattole e dei ratti.
C’è chi è ar governo e chi è all’opposizione
e pare se le dian senza raggione
ma è sol perchè ce tratteno da allocchi
e ce stanno a getta er fumo drento a l’occhi,
ma poi finito de fa’ la sceneggiata
se vanno a fare insieme na pajata,
il fumo serviva pe’ fa ‘n po’ de confusione,
a giustificasse con chi paga, pantalone.
Stanno a bercià su tutto, in disaccordo
pe’ fa vede’, che stanno a dasse torto,
ma questa operazione sotto intende|:
“Stamo a parlà de tutto ma nun famo gnente”.
Stanno in disaccordo puro sur modo di votare,
(e l’è per questo che morti vanno ar mare)
quello che sta ar governo se gonfia tutto e dice:
“Scegliamo noi e mettiamo solo chi c’ha cervice
sarebbe sciocco, d’elegge n’incapace”
Al che l’opposizione intera insorge e nun tace
e reppilca con il suo fare mordace:
Ma questa non è democrazia, occorre
legalmente che ognun libero sia di porre
la sua candidatura, sta all’elettore de fare scerta”
Ma trovallo poi l’e come andare alla scoperta
d’un nuovo continente e in de la lista
mica lo trovi su, fra quelli in vista
ma te lo piazzeno giù all’urtimo posto
messo fra l’indice e la porchetta arosto.
Poi c’hanno pure il coraggio sti buffoni
de chiammalle. “Le libbere elezioni”
Se credon pure dei padroni st’impudenti
scordando d’esse’ dei nostri dipendenti
ed è per questo je pieccia o nun je piaccia
ch’emo er diritto de pijalli a pesci in faccia.

                               pasquino

nnamo avanti

art_764_1_parlamento_n.jpg
 

e mo ce provo a racappezzamme ‘n poco
ammetto che c’ho un po’ de confusione
visto ch’avevo “lasciato” questo loco
in altri tempi co n’artra situazione
e me so’ ritrovato in do’ sto adesso
dentro la capa d’un settentrionale
seduto sopra l’asse dentr’ar cesso
e c’ho da’ capì se ce sto bene o male.
Certo che a me, me pare che lui sia
da quanto sto a capire proprio adesso
più istruito da quanti ai tempi mia
se credeveno persone de successo
ma pare che suo merito nun sia
ma solo de li tempi e der progresso.
Così approffitttanno der tapino
me sto istruendo su quanto sia accaduto
dal giorno in cui cadendo drento al vino
porsi alla vita un urtimo saluto.
Così m’apprenno di cose ormai passate
poche di belle, tante, troppe ‘nfami
sempre è la gente che sta ha prenne sassate
sempre i potenti a movere le mani.
Ce son passati in tanti in de la storia
mentre nun c’ero e me ne stavo assente
re e dittatori di cui non ho memoria
ma tutti, han fatto piaggnere la gente.
Ora me dicono semo repubblicani
me dicheno che er pololo commanna
ma li più stanno a rubbà l’ossa a li cani
mentre li pochi se maggneno la manna.
Cambiato er monno cambiati puro i capi
però nun cambieno certe situazioni
avevo lasciato la Roma de li papi
e m’arritrovo ‘na Roma de’ papponi.

                                           pasquino

 

Buon giorno me presento

pasquinopiazzapasquinoroma01.jpg 

so’ Pasquino, dicheno che fossi ‘n carzolaro
ma de sta storia nun m’arricordo gnente
fossi che fossi nun è poi importante
quello che conta è che fossi impenitente,
già che ce so’ fo na precisazione
per mettere le cose bene in chiaro
sono furbetto ma pure so’ cojone
ma di certo nun son perecottaro.
Risorgo qui seduto sopra a ‘n vaso
senza sapè perché ne pure dirvi come
di dentro al corpo d’un certo polentone
mentre cor dito se scaccola ner naso.
Certo che sarà dura a sto porello
abituato a parlare in meneghino
sentisse rintronare in der cervello
uno che je sta a rimà ‘n romano.
Son giunto qui a portavve un po’ d’amore
a forza de cazzotti in de li denti
sarò ‘mparziale e a tutti i contendenti
già dar mattino e sin ch’er giorno more
distribuirò sia gli insulti che le offese
e starò attento a far tutto paro paro
s
ia che se tratti de debiti e contese
sia che se tratti de utili o denaro
tanto poi annamo tutti a fa le spese
là dove stà er bottegaro mio vicino
no, nun fa er fruttarolo, fa er becchino

                          pasquino


 

Rieccheme qua

……………………. di nuovo so’ tornato

rientrato nuovamente in questo mondo

m’arricordo d’avecce scritto gìà in passato

stateme appresso che famo girotondo

                                                                    pasquino